AGOSTINO, IL VOLTO DELLE TUE MILLE RISPOSTE

Sono gli uomini che fanno le imprese, senza dubbio.

Ed alcuni di questi ricoprono ruoli davvero faticosi: questi sono i tecnici dell’assistenza.

Qualunque cosa accada loro continuano a lavorare con pazienza e costante dedizione, supportando ogni giorno il cliente in ogni sua difficoltà.

Uno di questi inarrestabili eroi è il nostro Agostino Angelozzi, 36 anni, Perito elettronico, da 16 anni fulcro insostituibile dell’assistenza tecnica di Top Automazioni, che riesce a gestire oltre 50 telefonate al giorno ed innumerevoli e-mail.

Conosciamolo meglio:

D: “Ciao Ago, come fai a stare dietro a tutto? Non ti gira la testa?”

R: “Devo ringraziare l’intera azienda che ho alle mie spalle, organizzata e strutturata per lavorare in una dimensione globale.”

D: “Capisco, ma tutta questa frenesia non ti genera una tensione insopportabile?”

R: “Sinceramente…no. Le persone che chiamano spesso lo fanno per un improvviso arresto del caricatore, per un messaggio d’avviso, a volte semplicemente per chiedere un consiglio su una particolare lavorazione.

Sono amici per me, ascolto le loro parole, analizzo quanto accade ed insieme troviamo una soluzione rapida e definitiva.

Mi avvalgo del supporto dei miei ingegneri se necessario, ma con oltre 1.000 caricatori installati all’anno niente più mi sorprende e il livello qualitativo raggiunto dal prodotto è eccellente, questo agevola molto il mio lavoro.”

D: “Conosco bene gli sviluppi che i prodotti Top Automazioni hanno subito negli anni, ma c’è qualcosa che ha fatto la differenza per quanto riguarda il tuo lavoro?”

R: “Senza dubbio l’adozione della Industry 4.0 ha portato il servizio di assistenza verso un nuovo approccio. Tutti i prodotti Top Automazioni sono in grado connettersi al mondo esterno tramite Internet. In pochi colpi di click sono in grado di controllare lo stato di ogni caricatore, leggere i dati funzionali, modificare parametri e impostare una diversa configurazione. Impensabile fino a pochi anni fa, indispensabile oggi. Soprattutto in un’azienda internazionale come la nostra, dove le distanze renderebbero gli interventi tecnici in remoto complicati e lenti.”

D: “Dai Ago, immagino che di tanto in tanto ti capita di trovarti in situazioni incredibili. L’ultima che ti è successa?”

R: “Confesso che la qualità dei nostri rivenditori è migliorata di molto negli anni e la nostra tecnologia semplifica molto il lavoro dell’operatore di macchina. Ma di tanto in tanto qualcuno si distrae. La settimana scorsa un cliente mi ha chiamato lamentando che il suo Fusion con capacità di 50 mm porta avanti la lancia con molta difficoltà. Faccio le verifiche del caso e tutto risulta in regola. Niente da fare, la lancia arranca malamente, gira e rigira scopro che la pinza montata è un 50 mm, quindi con un esterno da 55 mm. La prendiamo entrambi sul ridere, abbiamo convertito il caricatore di barre in una stozzatrice”.

“Bellissima storia! Ago, ti ringrazio del tempo che mi hai dedicato, anzi ti ringrazio a nome di tutte le persone che hai aiutato, contiamo su di te.”

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici